Guerra in Libia in tempo reale. Tradotto da Al Jazeera, 6 Marzo.

Posted on 6 marzo 2011 di

2


Cronaca di guerra tradotta e sintetizzata in tempo reale da Al Jazeera: http://blogs.aljazeera.net/live/africa/libya-live-blog-march-6-0
Ringraziamo i reporter in Libia che rischiano la pelle per informare il mondo.
Se volete conoscere la cronaca di guerra di ieri leggete https://lelzeviro.wordpress.com/2011/03/05/guerra-in-libia-in-tempo-reale-tradotto-da-al-jazeera/
Questa è la mappa:
Gli orari sono quelli libici (un’ora avanti).

11:59pm Questo è tutto per oggi, cari lettori. Ma potete continuare a leggere la cronaca della guerra in Libia del 7 marzo nell’articolo successivo:  Guerra in tempo reale in Libia. Tradotto da Al Jazeera, 7 marzo.

11:54pmAd un funzionario del dipartimento di stato degli Stati Uniti è stato chiesto se l’amministrazione Usa ha contattato Drs Mahmoud Jabril e Ali el-Assawi – i due uomini nominati dal “Consiglio Transizionale Nazionale” come rappresentanti alle relazioni estere. Lui ha risposto:
“Continuamo a valutare la situazione che è ovviamente molto fluida. Siamo in contatto con l’opposizione libica mentre gli eventi si svolgono e continuamo a incalzare Gheddafi perchè lasci il potere.”

11:56pm Gheddafi è apparso sulla Tv di stato libica poco fa, solo per pochi secondi. E’ apparso nella Piazza Verde, ma la TV di stato non ha dato nessuna spiegazione per la quale non sono restati in collegamento.
Dopo aver mostrato la folla urlante il suo nome, il canale ha tagliato ed è tornato in studio…

11:48pm Il giornalista Ahmad Ali Ahmad racconta ad Al Jazeera da Az Zawiyah, che ha visto duri combattimenti nel corso del giorno – ma si ritiene sia rimasta in mani ribelli, che c’è un nuovo sviluppo nella città.
“Le famiglie che vivono nelle case sopra la piazza nel centro cittadino hanno iniziato ad evacuare la zona a causa dei ripetuti attacchi aerei contro l’area.
La via Omar Mokhtar sembra deserta e la maggioranza degli edifici sono stati distrutti dai feroci attacchi aerei ieri e oggi.
C’erano molti feriti, ma non posso confermare i numeri.”

11.32pm La registrazione di una chiamata verso di noi. Il testimone descrive il suono degli spari a Tripoli alle prime ore del giorno.
“Non è stato come gli altri giorni. Qualcosa è successo e stanno cercando di coprirlo.”
Ascolta cliccando http://audioboo.fm/boos/295293-english-lpc-tripoli-describes-hours-of-heavy-gunfire-in-the-capitol-not-celebratory-libya-feb17

11.14pm Valerie Amos, il principale funzionario dell’assistenza Onu ha chiesto un urgente accesso umanitario a Misurata, considerando le notizie di violenza e uccisioni nell’area.
“Le organizzazioni umanitarie necessitano di un accesso urgente, adesso. Le persone sono state ferite o stanno moreno, hanno bisogno di aiuto ora” afferma.
“Ho chiamato le autorità per garantire un accesso senza rinvio per permettere alle aiutanti umanitari per salvare vite.”

10:31pm La TV italiana informa che otto navi di migranti stanno facendo rotta verso Lampedusa e arriveranno stanotte, dopo che una nave con 81 persone dalla Libia e già arrivata oggi.

10:15pm Dopo il gran numero di persone che hanno attraversato i confini dalla Libia, esso sembra essere calato drammaticamente quasi in una notte, Ahmed Shebani, il portavoce di Libya Relief, dice ad Al Jazeera che il gruppo è solo in grado di aiutare quelli dell’est del paese.
Tripoli e Az Zawiyah sono molto difficili da raggiungere al momento.
Nell’est, comunque, c’è ancora carenza di carburante. Il governo ad interim a Bengasi ha richiesto carburante, così i loro veicoli possono muoversi attorno e liberare altre aree -ma necessitano anche di cibo e medicine – e vogliono il riconoscimento internazionale del nuovo governo.
Ho sentito che hanno 8-10 giorni di carburante e scorte di cibo, quindi molto presto, nascerà una crisi.

9:50pm Un combattente anti-Gheddafi – appena fuori da Bin Jawad – che brandisce la sua arma, mostrando come tratterebbe il Rais se lo trovasse. “Uccideremo Gheddafi,” dice.

9:25pm Abbiamo appena ricevuto questo comunicato dal “Consiglio Transizionale Nazionale”, che descrive la riunione di ieri. Conferma alcune cose che abbiamo già detto. Ma ora è qui, fonte diretta.

9:15pm Dopo il primo impegno andato così bene, la Gran Bretagna manderà un secondo team diplomatico in Libia, “per rafforzare il dialogo”, lo annuncia il foreign office inglese. Un comunicato attribuito a William Hague dice:
Questo impegno diplomatico è parte del più largo lavoro della GB in Libia, che include il supporto umanitario. Continuiamo a pressare Gheddafi perché abbandoni e lavoreremo con la comunità internazionale per sostenere le legittime ambizioni del popolo libico.

9:12pm L’account che ha l’intenzione di rappresentare il “Consiglio Transizionale Nazionale” annuncia Omar el-Hariri come suo “rappresentante degli Affari Militari per la sicurezza”. Segui l’account su http://twitter.com/LibyanTNC

9:06pm Il Il “Consiglio Nazionale Libico Transizionale” si aspetta di essere presto formalmente riconosciuto da alcuni paesi, lo riferisce il suo capo ad Al Jazeera Arabic. E’ l’ex ministro della giustizia Mustafa Abdul Jalil, formalmente nominato oggi per guidare il consiglio che ha detto:
Ci sono contatti ufficiali con nazioni arabe ed europee. Con il rilascio di un comunicato dopo oggi, alcuni paesi daranno il loro riconoscimento al Consiglio.
Ha anche detto che una forza bellica, condotta dai disertori dell’esercito libico, si sta facendo strada verso la città costiera strategica di Sirte, tenuta da 4,000 lealisti di Gheddafi, prima di dirigersi verso Tripoli.

9:00pm Il “Consiglio Nazionale Libico Transizionale” dice che le forze di Gheddafi sono state respinte fuori da Az Zawiyah e da Misurata, rispettivamente ad est e ad ovest di Tripoli – nell’ovest del paese.

8:45pm L’agenzia libica per l’Aiuto e l’Assistenza umanitaria sta chiedendo aiuto per supplire alle carenze di cibo, scorte mediche e di carburante e ambulanze equipaggiate per effettuare le operazioni – così anche insulina per diabetici, batuffoli igienici per pazienti, filtri per la depurazione d’acqua, mezzi di comunicazione e gas liquido LPD .
Se avete accesso a qualsiasi di queste cose, potete mettervi in contatto con loro cliccando qui http://www.libaid.net

8.20pm I comandanti delle forze anti-Gheddafi dicono ad Al Jazeera Arabic di non aver ricevuto alcun contatto dal leader venezuelano Hugo Chavez sulla sua offerta di mediazione in colloqui diplomatici.

8:07pm Un comunicato degli esteri inglesi dice che “un piccolo team diplomatico” che è entrato in libia ha “sperimentato difficoltà”. Conferma che il team ha lasciato il paese libico.

8:03pm I colleghi di Al Jazeera Arabic riferiscono di due morti e 30 feriti nelle battaglie di “toccata e fuga” in Bin Jawad – tra Ras Lanuf e Sirte – durante il giorno.

8:00pm Stiamo avendo notizie da Misurata che 16 soldati lealisti, e 18 ribelli, sono morti nei combattimenti odierni. Almeno 71 feriti, nove in condizioni critiche.
Quattro veicoli 4×4 con fucili montati sono stati catturati e un carro armato distrutto.

7:47pm Ci si chiede perché il Portogallo presiederà il comitato delle sanzioni alla Libia nell’Onu? Quelli che studiano scienze diplomatiche sanno che già presiedono quello contro la Corea. Al Jazeera ritiene che hanno avuto questa extra-responsabilità come premio del buon lavoro finora svolto…

7:15pm Hoda Abdel Hamid di Al Jazeera, inviata a Benghazi, rivela nuove informazioni sui soldati britannici da poco liberati- apparentemente in “missione diplomatica”.
Riferisce che sono stati trovati a Suluq, circa 50km a sud di Bengasi – e almeno 200 km da qualunque stazione petrolifera. Le forze speciali britanniche avevano precedentemente aiutato ad evacuare i lavoratori dalle strutture petrolifere del deserto libico.
Gli 8 sono stati portati a Bengasi e consegnati al Consiglio nazionale..
Uno portava un passaporto diplomatico mentre gli altri 7 no, confermano fonti del consiglio.
Hoda riferisce che sono entrati dal confine egiziano – ma nessuno ha recenti timbri egiziani sul passaporto.
Invece, le fonti di Hoda le hanno rivelato che i combattenti anti-Gheddafi vicino a Suluq hanno visto un elicottero atterrare loro vicino di Venerdì presto, hanno indagato, sono andati loro incontro e li hanno presi.
Se le dichiarazioni sull’entità diplomatica della missione rimangono credibili, lei dice, membri del Consiglio Nazionale si chiedono: “Perchè non hanno semplicemente stabilito un contatto diretto con noi?”
Mentre le truppe sono rimaste di poche parole quando lei le ha viste, i portuali di Bengasi le hanno riferito che il primo porto di attracco per la HMS Cumberland -che ha evacuato i connazionali britannici in Libia nelle scorse settimane- sarà Malta.

6:44pm Anita McNaught di Al Jazeera ha incontrato un gruppo di entusiastici supporters di Gheddafi nel centro di Tripoli. Non erano appassionati di Al Jazeera, ma non ce l’avremo con loro…

6:25pm Al Jazeera Arabic riferisce che Gheddafi ha richiesto un inchiesta dell’Onu o dell’Unione africana “per esaminare la situazione libica” e ha suggerito che la Francia potrebbe condurre il comitato. Ha inoltre rinnovato le accuse verso i protestanti libici sul fatto che prendano pillole allucinogene – loro distribuite da membri di Al Qaeda.
Gheddafi ha negato di nuovo di aver fatto sparare contro il suo popolo e che i suoi comandanti non abbiano ancora deciso l’attacco. Ha minacciato l’occidente su una possibile ondata di immigrati in Europa e sul pericolo di pirateria e operazioni armate da parte di quelli descritti come “Integralisti islamici”.
Sul congelamento dei suoi conti bancari e dei suoi vicini collaboratori, Gheddafi ha detto di non possedere niente, tranne la sua tenda. Ha sfidato il mondo a provare che possieda un solo dinaro.

6:18pm Confermato: gli otto membri della missione britannica “catturati” a Bengasi sono saliti a bordo dell’HMS Cumberland e sono partiti dal paese, lo riporta Hoda Hamid di Al Jazeera.
Li ha visti a bordo della nave e ritiene che li stiano portando a Malta, ma non è comnfermato. Inoltre dice che le è stata mostrata una lettera ufficiale che spiegava che sette di loro provvedevano alla sicurezza dell’ottavo, un diplomatico, che stava tentando di mettersi in contatto con le forze di opposizione.
Membri dell’opposizione hanno confermato la liberazione, mentre le forze ribelli stavano tentando di entrare in contatto con diplomazie internazionali.
Come prima impressione, sembra essere stato un imbarazzante fraintendimento per entrambe le parti. I funzionari dell’opposizione anti-Gheddafi hanno riferito che gli uomini portavano un equipaggiamento computerizzato avanzato con loro che esibiranno “nel prossimo futuro”.

5:58pm Catherine Ashton, ministro degli esteri dell’Ue, ha mandato una “fact-finding mission” in Libia, guidata dal funzionario italiano per l’assistenza umanistaria Agostino Miozzo. La Ashton ha detto:
Ho deciso di inviare questa missione di alto livello per fornirmi di prima mano di informazioni in tempo reale per nutrire le discussioni portandole fino al Consiglio europeo straordinario di Venerdì quando aggiornerò i capi di stato e i governi sulla situazione.

5:39pm Sirte è stata sviluppata nei passati dieci anni per diventare una nuova capitale della Libia, ed è stata imbottita dei soldati più leali a Gheddafi, lo dice Tarik Yousef della Dubai School of Government ad Al Jazeera.
Là ci sono molti della stessa tribù di Gheddafi – e quelli del suo stesso ramo della tribù.

5:35pm Il consiglio di sicurezza dell’Onu ha nominato il Portogallo per guidare il comitato per le sanzioni libiche, ha compreso Al Jazeera – e il primo incontro si terrà a giorni.
L’ambasciatore portoghese Jose Moraes Cabral sarà nominato per dirigere il comitato Martedì e inizierà a parlare Mercoledì dopo che altre nazioni saranno rappresentate al tavolo.

5:30pm La città natale di Gheddafi, Sirte, è il prossimo target delle forze armate di opposizione, dice Abdul Jalil, leader appena nominato del “Consiglio nazionale libico di transizione”.
Questo è il tentativo di “rompere l’anello che blocca il cammino” verso la capitale Tripoli, dice.

5:27pm Mustafa Abdul Jalil, ex ministro della giustizia libico, è stato nominato a capo del Consiglio Nazionale Libico di Transizione a Bengasi, fonte Al Jazeera Arabic.
Il nuovo consiglio ha anche nominato altri 8 dei suoi 31 membri, ma rifiutato di rivelare il resto, per ragioni di sicurezza.

5:16pm Tony Birtley di Al Jazeera, sulla strada tra Ras Lanuf e Bin Jawad, riporta quattro attacchi aerei nell’area, ma anche che le truppe di Gheddafi si ritirano mentre le opposizioni armate procedono ad ovest lungo la costa.
“Tutto sta filando così liscio per i ribelli che ognuno non può non chiedersi: “Le forze di Gheddafi quando attaccheranno di nuovo?”
Penso che qui le persone siano più guidate dall’entusiasmo che dall’esperienza. Hanno effettivamente armi pesanti- ma molte persone realistiche qui mi dicono che Sirte sarà un altro paio di maniche.
Se Sirte cade, poco potrà fermarli nella marcia verso Tripoli – quindi ci si attende che Gheddafi prepari un combattimento molto duro laggiu, ad appena 100km ad ovest da qui. E bisogna ancora vedere la piena potenza dell’aviazione governativa con gli elicotteri armati e così via.”

5:05pm Anita McNaught di Al Jazeera:
Siamo ora a metà mattinata e il popolo sta ancora festeggiando le “vittorie” che non sono ancora state vinte, e la fine della guerra che non è ancora finita. Sono davvero sinceri, ma bisogna chiedersi cosa è stato raccontato loro.
La Piazza verde era piena solo per un quinto. E le telecamere della Tv libica sulla piazza erano appositamente vicine alla folla (per non inquadrare gli spazi vuoti). Delle quattro persone che abbiamo registrato una era algerina, una palestinese e due libiche. E’ difficile accertare quanto la folla sia rappresentativa.

4:45pm Hoda Hamid di Al Jazeera, inviato a Tripoli, descrive la città come un “universo parallelo”.
Stanno continuando i festeggiamenti per questa ‘grande vittoria militare’ che le persone qui sembrano credere le forze del colonnello abbiano già ottenuto.
Un mio collega, del British Daily Telegraph, ha chiesto ad un po’ di persone nella Piazza Verde oggi che lavoro facessero – e dopo molti uhm e ah, molti di loro gli hanno confessato di essere o dell’esercito o della polizia in abiti borghesi per riempire la piazza – che comunque non era ad ogni modo piena.
Qui c’è una paura terribile che il paese cada in una settaria e tribale divisione – questa è il più grande timore – e il regalo più grande che Muammar Gaddafi sembra aver fatto loro è che un uomo, l’unico uomo, ha potuto e può unire la Libia prevenendone la rottura in mille pezzi dovuta alle malefatte delle potenze e alle interferenze straniere – non solo Al Jazeera.

4:18pm Un dottore a Misurata, Khaled, racconta ad Al Jazeera:
Mi sono arrivati tre morti e molti feriti dal combattimento di stamane. Siamo imparziali, dobbiamo curare chiunque. Necessitiamo di medicinali e kit di emergenza. Ci mancano molte cose.

4:16pm Jacky Rowland di Al Jazeera ci racconta del panico a terra innescato da un attacco aereo a Ras Lanuf. Le persone sono saltate dai loro pickup e si sono diretti ad est molto velocemente. Quindi, passato l’immediato pericolo, sono tornati all’assalto dell’ovest, verso Bin Jawad, dove i combattimenti tra pro- e anti-Gaddafi continuano nelle strade.

4:00pm Un veloce riepilogo della situazione attuale:
il governo di Gheddafi proclama il controllo di Bengasi e Tobruk nel lontano est del paese – negato dalle forze di opposizione nei luoghi. Sono stati riportati attacchi aerei a Ras Lanuf, città in mano ai ribelli. E’ in atto il combattimento a Bin Jawad, a metà strada tra Ras Lanuf e la città di casa di Gheddafi, Sirte. Az Zawiyah, appena a ovest di Tripoli, rimane sotto i bombardamenti.
La situazione a Misurata e Tripoli resta poco chiara.

3:54pm Con dure limitazioni alle operazioni dei giornalisti nelle aree libiche controllate da Gheddafi non è facile raccontare esattamente che sta succendo. Laurence Lee di Al Jazeera ci racconta la storia di quelle che sono ormai due Libie:

3:41pm Firas Kiyal, di UNHCR – l’agenzia per i rifugiati dell’Onu, riferisce ad Al Jazeera che 100,000 persone hanno attraversato il confine verso la Tunisia al Ras Jadeer camminando da sole. CI sono 13,500 del Bangladesh in campi appena dentro la Tunisia, aspettando di essere riportati nel loro paese.

3:37pm Benjamin Netanyahu, primo ministro israeliano, afferma che ci “devono essere le stesse determinate azioni internazionali contro il tirannico e brutale regime in Iran” come ci sono state in Libia.
Intanto migliaia di persone dilagano attraverso i confini per sfuggire al conflitto libico, tra i richiami per un azione internazionale per imporre una no-fly zone e ulteriori sanzioni economiche.

3:23pm Az Zawiyah, a soli 40km ad ovest di Tripoli, è di nuovo sotto attacco aereo, lo riferisce Al Jazeera Arabic.

3:11pm La città di Misurata, 200km ad est di Tripoli, è stata anch’essa attaccata, da tre direzioni, è stato riferito ad Al Jazeera.
Più ad est, ci sono stati caduti tra i combattenti ribelli in Bin Jawad, anch’essi colpiti da un nuovo attacco.
Ma le forze di opposizioni hanno veementemente negato le notizie della Tv di Stato: che le truppe di Gheddafi hanno ripreso controllo di Az Zawiyah, Misurata, Ras Lanuf e Tobruk.

3:05pm Az Zawiyah è ancora sotto attacco, la stanno bombardando da ovest, mentre i carri armati tentano di entrare in città, lo riporta Al Jazeera Arabic.

3:01pm Awad Al Quairi, un medico all’ospedale di Ras Lanuf, racconta ad Al Jazeera Arabic che è venuto da Bengasi per aiutare i feriti di Ras Lanuf. Dice che ha ricevuto due persone morte e 19 feriti – uno in condizioni critiche – dopo il recente combattimento.

2:55pm I nostri colleghi di Al Jazeera Arabic riferisconi da Bengasi che i combattenti ribelli hanno abbattuto due caccia tra Bin Jawad e Ras Lanuf, e che due piloti- entrambi Siriani – sono stati arrestati.
Il reporter riferisce che “un gran numero” di combattenti volontari si muovono da Bengasi verso ovest per rinforzare il fronte anti-Gheddafi.

2:41pm La Tv di Stato annuncia estesi tagli alle tasse. Afferma:
“Il comitato pubblico generale ha deciso di ridurre le tasse sulle merci di base allo zero percento e di ridurre le tasse alle altre merci fino a solo il cinque percento. E’ stato deciso di cancellare tutte le tasse sui consumi e la produzione. I nuovi cambiamenti sono stati attuati in occasione della vittoria del nostro grande popolo contro le bande dei terroristi.”

2:12pm Gli abitanti di Az Zawiyah dicono che la città è sotto attacco di artiglieria pesante dall’ovest e carri armati stanno provando ad entrare nella città. Inoltre, elettricità, linee di comunicazione, internet, sono stati tagliati.
Abdel Fatah, attivista politico, i carri armati di Gheddafi hanno attaccato la città, supportati da veicoli armati – alcuni tanks sono ora assediati dai ribelli dentro la piazza principale della città.

2:07pm Khaled, abitante di Bin Jawad, racconta ad Al Jazeera che i ribelli hanno di nuovo in mano la città.

1:55pm Le forze governative stanno attaccando Misurata con carri armati e artiglieria pesante, secondo i residenti locali – fonte Reuters.

1:32pm Anita McNaught di Al Jazeera, inviata a Tripoli, riferisce che al momento ci sono celebrazioni per le vittorie ma “prima dell’alba c’era qualcosa di diverso”.
“Un’ipotesi plausibile è che dentro Tripoli ci sia stata un grosso giro di vite e poi hanno coperto la storia parlando di spari celebrativi. Questa è l’impressione comuni di noigiornalisti.”

12:54pm Il ministro della Difesa britannico ha ammesso che un piccolo team diplomatico è presente in Libia, dopo che cittadini del Regno Unito sono stati catturati a Bengasi.

12:40pm Combattenti ribelli riuniti nella città petrolifera di Ras Lanuf a dispetto dei proclami della televisione di stato [AFP].

12:09pm Un velivolo che sembra essere un drone senza equipaggio è stato visto da Jacky Rowland di Al Jazeera a Ras Lanuf.

12:05pm Le forze di opposizione hanno abbattuto un elicottero governativo, durante un combattimento nell’est.

11:51am Le forze ribelli sono arretrate a Ras Lanuf dai loro avamposti occidentali, sparando agli elicotteri governativi, lo riporta Reuters.

11:10am L’Associated Press, agenzia di stampa, riferisce che aerei da guerra libici hanno lanciato missili su un reparto ribelle che avanzava verso Sirte, la roccaforte città natale del Rais.

10:37am Giungono notizie sul fatto che forze armate libiche lealiste hanno attaccato i ribelli nella città della Libia orientale di Bin Jawad, poco ad ovest di Ras Lanuf.
Inoltre, caccia hanno colpito vicino a Ras Lanuf e ad Az Zawiyah, secondo testimoni a terra.

10:32am Si sono tenuti funerali a Bengasi per alcune delle almeno 39 vittime dell’esplosione dell’arsenale di Venerdì. Per l’attacco sono state accusate le forze di Gheddafi. Almeno 130 sono stati feriti dopo che il deposito di armi è stato colpito da due missili aerei a quindici minuti l’uno dall’altro. I vigili del fuoco hanno tentato di domare le prime fiamme ma sono stati poi colpiti da un altra esplosione che ha squarciato l’arsenale.
Un medico locale ha riferito che sono stati trovati resti di corpi sparsi in mezzo ai detriti.

10:09am Tutto nel conflitto libico dipende da a chi credi, e nella capitale, Tripoli, credono che le forze di Gheddafi hanno ripreso il controllo delle città di Az-Zawiyah e Misurata dai ribelli.
Ma testimoni hanno riferito ad Al Jazeera che le dichiarazioni del governo sono false.

9:53am Il consiglio di opposizione a Bengasi sta premendo per avere il riconoscimento delle diplomazie internazionali. Il leader del Consiglio Nazionale, Mustafa Abid Jalil, racconta ad Al Jazeera che alcuni precedenti diplomatici sono stati nominati in posti chiave.

9:34am Bashir Abudl Gadir, un comandante ribelle della Libia orientale, afferma che le sue forze si sono spinte ad ovest e ora controllano la citta di al-Nawfaliyah ad una settantina di km ad occidente di Ras Lanuf.

The town of al-Nawfaliyah is west of Bin Jawad, which rebels took on Saturday.

9:13am Mohammed Ali, parla dal vivo ad Al Jazeera da Misurata. E’ un membro del comitato civile per gli affari interni di Misurata, sezione del Consiglio Nazionale. Dice che sono saldamente in controllo della città e preparati per qualunque attacco di Gheddafi.

9:05am Anita McNaught, inviata a Tripoli, riferisce che gli spari stanno andando avanti da tre ore ormai. Ho visto macchine della polizia uscire dal nostro hotel, ma non ho visto scontri. Poi abbiamo visto forze lealiste a piedi e nei loro veicoli, che cantano e festeggiano.

8:35am Un corrispondente di AFP riferisce che Ras Lanuf è ancora in mano ai ribelli, contrastando le affermazioni della TV di Stato che ne dichiarava la riconquista da parte di Gheddafi.
Alcuni giornalisti stranieri stavano nelle periferie occidentali di Ras Lanuf e non c’erano suoni o alcun combattimento intorno alla città durante la notte.

8:17amIl Ministro della Difesa britannico rifiuta di confermare o negare un articolo di giornale che afferma che diversi suoi reparti di elite sono stat arrestati da forze ribelli nella Libia orientale.
Il Sunday Times rivela che otto truppe SAS erano in missione segreta per contattare i leader di opposizione, quando sono stati arrestati.

8:13am Al Jazeera ha appreso che nonostante le sanzioni Onu, India, Cina e Austria stanno ancora comprando petrolio libico, legalmente. Questi sono i tre giacimenti petroliferi che garantiscono al regime di Gheddafi l’80% delle entrate. Nel 2010, l’export era attorno ai 1.3 milioni di barili al giorno, la scorsa settimana era 600,000 al giorno. Questa immagine mostra la posizioni dei giacimenti:

8:05am La Tv di Stato libica adesso mostra scene di folle in festa nella Piazza Verde di Tripolie ripete proclami di riconquista di Az Zawiyah, Misurata e Tobruk da parte delle forze di Gheddafi.
Comunque i gruppi ribelli affermano di essere ancora in controllo di queste zone.

7:50am La TV di Stato afferma che le forze lealisti hanno riconquistato la terza città del paese, Misurata e la città petrolifera di Ras Lanuf presa dai ribelli Venerdì. (Ma i ribelli e i reporter dicono il contrario ndr).
Ma Sadoun Misrata, parlando ad Al Jazeera da Misurata afferma che i proclami sono completamente falsi. Dice che l’esercito a Misurato è al fianco della popolazione, ma l’unico allarme al momento è la cattura di membri di opposizione da parte delle forze lealiste.

7:36am Reuters riporta che la Tv libica di stato cita fonti militari affermando che le forze governative sono dirette a Bengasi, la più grande roccaforte ribelle.

7:22am Nasser Wedday, attivista e blogger, riferisce che l’aereo abbattuto dalle forze di opposizione è un Su-24. Il numero sopra di esso rivela che l’aereo è dello Squadrone 1124 che ha base a Ghurdabiya-Sirte una base area di Sirte, a metà strada da Bengasi
Wedday afferma che ciò può essere confermato da un esperto militare o consultando Jane’s World Defence che da l’ordine di battaglia dell’aviazione libica – specifica quale base e quale squadrone, tipo di aereo si trova in ogni base.
Dice che è molto strano che i MiG 23 non siano stati usati ancora, dal momento che sono la spina dorsale dell’aviazione libicae. Weddady suggerisce che ciò potrebbe essere a causa di diserzioni di piloti o dell’assenza di personale di terra.

7:02am Anita McNaught afferma che si sentono ancora spari a Tripoli, ma vede dei fuochi d’artificio – le è stato detto da un rappresentante governativo che il rumore proviene dai festeggiamenti delle forze governative . Mussa Ibrahim, un portavoce del governo dichiara: “Tutto è sicuro. Tripoli è al cento percento sotto controllo. Quelli che sentite sono fuochi artificiali celebrativi. Il popolo è nelle strade, sta danzando nella piazza.”

6:45am Ribelli non addestrati stanno avanzando rapidamente ad ovest, prendendo possesso di installazioni petrolifere che molti pensavano essere duramente difese dalle truppe leali al leader Gheddafi. Mentre si avvicinano a Sirte, città natale del Rais, stanno provando ad imporre una parvenza di ordine nella strada, e molti si chiedono quale tipo di resistenza -se ce n’è qualcuna -incontreranno. Un web producer di Al Jazeera’s ha mandato questo video dalla strada verso Sirte.

6:26am Gli abitanti di Tripoli riportano ad Al Jazeera che sono stati sentiti molti spari provenienti dalla zona del centro cittadino.

6:19am Anita McNaught di Al Jazeera riferisce dalla capitale Tripoli che sono stati sentiti spari fin dal mattino. Afferma che non è possibile identificare chi sparava e perché.

6:10am Nell’ovest della Libia i ribelli affermano di aver preso completo controllo del porto petrolifero di Ras Lanuf(principale porto d’esportazione del petrolio dell’Opec nel mediterraneo). Secondo nostre fonti alcuni soldati governativi nella città strategica hanno cambiato bandiera e ora sono dalla parte dei ribelli.

6:00am In questa foto si vede il simbolo dell’aviazione sul rottame di quello che gli oppositori ribelli dicono essere un aereo che hanno abbatutto vicino alla città Ras Lanuf nel centro nord del paese il 5 marzo 2011. Le forze ribelli hanno riferito che i due piloti sono morti.

Annunci
Posted in: Cronaca, Esteri