Ruby mi disse: “Ho fatto sesso con Berlusconi”. Un’altra lo accusa di violenza.

Posted on 18 gennaio 2011 di

0



Berlusconi non si arrende.
Ma il cerchio si stringe.
Sono gli ultimi concitati attimi della caccia alla volpe e Silvio si rifugia in una tana sempre più stretta.
Ieri era già stato ferito dalle sconcertanti intercettazioni, rivelate ieri dalle voci dei parlamentari che hanno letto gli atti.
Come quelle in cui parla Ruby:
Bang! “Noemi è la sua pupilla, io sono il culo” oppure bang! «Silvio mi ha detto: cerca di passare per pazza, racconta cazzate» e ancora bang! «Ho chiesto 5 milioni a Berlusconi»
Oggi i colpi non arrivano dalle intercettazioni, ma dalle dichiarazioni di altre ragazze che gli inquirenti hanno messo a verbale. E non sono più fucilettate, ma due bordate di cannone.
La prima getta in una luce ancora più inquietante la condotta del premier. Secondo Repubblica una ragazza avrebbe verbalizzato che lei, capito com’era l’andazzo di una festa ad Arcore, provò a sottrarsi ma: «Berlusconi ha insistito, io non volevo, ho cercato di respingerlo. Gli ho detto di no, ma non ce l´ho fatta, e sono stata costretta a subire qualche cosa che non avrei voluto fare». Non sappiamo esattamente cosa, ma pare improbabile siano solo tenere carezze sulle guance.
Ovviamente è molto difficile che la ragazza possa dimostrare tutto questo, salvo abbia filmato di nascosto o porti con sè dei testimoni. Ma qualora comprovato non si tratterebbe più di sfruttamento della prostituzione minorile e concussione, ma di violenza sessuale. Secondo l’art 609 del codice penale: “Chiunque con violenza o minaccia o mediante abuso di autorità, costringe taluno a compiere o subire atti sessuali è punito con la reclusione da cinque a dieci anni.”
La seconda proviene da un altro verbale, di una persona molto vicina a Ruby. Cioè la sua ex coinquilina Caterina Pasquino. La stessa che denunciò Ruby perchè “se n’era andata portando via alcuni anellini e non due rolex come scritto su qualche quotidiano. E i 3000 euro messi da parte per l’affitto. Sono andata a cercarla e l’ho trovata in un centro estetico. Ho chiamato le volanti e l’hanno arrestata.”
Oggi invece Caterina Pasquino mette seriamente nei guai il premier:
«Ricordo che (Ruby ndr) diceva di essere molto amica del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi con il quale, a suo dire, è stata spesso a casa del premier dove ha cenato, ballato e fatto sesso con lui, il quale le dava molto denaro».
E adesso Berlusconi che farà?
Si dice sia rinchiuso nel Palazzo. Asserragliato dai fedelissimi che lo incalzano “E ora che si fa?”, assillato dalle mille voci che gli riecheggiano nella mente. Le voci dei quotidiani, delle intercettazioni, dei verbali e, di tanto in tanto, della sua coscienza poco limpida. Forse medita di tuffarsi nel bagno purificatore delle elezioni.
Noi ce lo immaginiamo che vaghi sconsolato e furibondo tra le 145 stanze della reggia di Arcore.
Il capo chino, le mani nei capelli posticci e i sudori freddi che gli imperlano la fronte. Ogni tanto sbuca davanti qualche ragazzetta discinta e scarmigliata, vittima di lontani bunga bunga.  Qualcuna scappa senza neanche un bacetto di saluto. Qualche altra si ferma, prova a stuzzicarlo un po’, poi si dilegua: no, non è aria. Silvio non vuole più nemmeno quello. Adesso pure le donne gli ricordano i processi, i magistrati delinquenti, la galera. “argh!” Impreca, dopo essere inciampato col tacco su un paio di manette pelose. Con un moto di autoironia, se le prova. Accenna un sorriso, poi le butta via tornando dell’umore più nero.
Povero nostro premier. Sempre pieno di magagne.
Eppure ancora così pieno di sorprese.
L’altro ieri ci ha mostrato un’altra delle sue innumerevoli doti: “Dopo Veronica, ho una nuova compagna” una sola ha detto.
Forse di tutte le doti, l’ultima che pensavamo possedesse.
La modestia.

Annunci
Posted in: Cronaca, gossip, Politica