Il bidet: i Francesi l’hanno inventato, perchè non lo usano?

Posted on 13 agosto 2010 di

28


Sanitario piuttosto comune, anzi direi onnipresente nei bagni italiani, all’estero non lo è poi così tanto (vi prego di notare anche la quantità di video su youtube per l’utilizzo dei bidet).
Così, incuriosita dal perchè da noi in Italia fosse così quotato, ho voluto indagare sulle sue origini e sulla sua storia.

Il bidet (italianizzato in bidè) nasce in Francia tra la fine del XVII e l’inizio del XVIII secolo, non si conosce né la data certa, né il nome del suo inventore.
Il nome di questo sanitario è lo stesso usato in francia per definire il pony e deriva dalla parola francese bider, che significa “trottare“. Infatti, la posizione che si assume durante il suo utilizzo ricorda molto una “cavalcata”.
Curioso è constatare il fatto che, pur essendo un’invenzione tutta francese, allo stato attuale delle cose il bidet non esiste in Francia, come in nessun altro Paese del Nord-Europa. E’ diffuso invece in Spagna, Portogallo, America Latina (Argentina 99%) e Giappone, dove è messo a disposizione pure nei bagni pubblici!!

La prima testimonianza certa sul bidet risale al 1710, anno in cui il probabile inventore, Christophe Des Rosiers, lo installò presso l’abitazione della famiglia reale francese.
In realtà il bidet rimase inutilizzato in Francia; a Versailles esistevano 100 bagni ma furono dismessi tutti in una decina di anni.

Nella seconda metà del 1700 troviamo il primo bidet utilizzato in Europa, proprio in territorio italiano, che diede il via alla sua diffusione prima nel Regno delle Due Sicilie e, molti anni più tardi, anche nel resto della penisola. Fu la Regina di Napoli, Maria Carolina d’Asburgo-Lorena, ad essere particolarmente innovativa nel volere un bidet nel suo bagno personale alla Reggia di Caserta. Dopo l’annessione al Piemonte, ad unità d’Italia avvenuta, i Savoia fecero l’inventario di ciò che trovarono nella reggia borbonica e, non sapendo cosa fosse, non seppero dare una definizione dell’oggetto; nell’inventario fu scritto “oggetto sconosciuto a forma di chitarra”.

Dal 1900, durante l’età vittoriana, con l’avanzamento tecnologico delle tubature, il bidet, assieme al vaso da notte, divennero strumenti utilizzati nella stanza da bagno e non più in camera da letto.

Nel 1960 invece ci fu l’introduzione sul mercato del bidet elettronico cioè dovuto all’unione del gabinetto con il bidet, particolarmente utile in piccoli ambienti in cui i due sanitari non troverebbero posto. Che è un bidet inserito nel water da cui esce un getto d’acqua.

Ma il bidet ebbe anche un periodo buio dovuto al fatto che era utilizzato specie dopo rapporti sessuali e quindi visto strettamente legato a prostitute e donne di “malaffare”. Visto quindi come “eliminatore” dell’eventuale seme presente nella donna, venne anche condannato come parte delle pratiche anticoncezionali malviste dalla chiesa.
Se è per questo che i francesi continuano a non usarlo, non ha senso..lo usiamo noi che abbiamo il Vaticano in casa! Mah..!!
[fonti: wikipedia – storiaefuturo.com – leonardodavinci.csa.fi.it ]

Annunci
Messo il tag: , , ,
Posted in: Curiosità